ZITO D’AMERICA

Ettore Zito gioca per la Middle Tennessee State University

Ettore Zito, siciliano classe 1991, gioca per la Middle Tennessee State University di Murfreesboro

Un siciliano alla conquista dell’America. Non è il titolo di un film, bensì il filo conduttore della storia di Ettore Zito, tennista siracusano classe ’91, emigrato negli Stati Uniti circa tre anni fa, non solo per inseguire il sogno di una carriera da professionista ma soprattutto per studiare in un college molto importante come la Middle Tennessee State University di Murfreesboro. E, a giudicare dai risultati, sta facendo alla grande entrambe le cose, tanto da essere diventato una sorta di istituzione nella propria università. Ha ricevuto svariati riconoscimenti sportivi e al merito scolastico, fra i quali il premio come Migliore Atleta e Studente Internazionale dell’Anno, sui migliaia che gareggiano per la MTSU in tutti gli sport. “In più, sono capitano e numero uno del team, sono entrato fra i primi 100 tennisti del ranking universitario, e dopo la vittoria di un paio di tornei di singolare mi hanno addirittura intitolato un campo, divenuto il Campo 5 – Ettore Zito. Dell’America – prosegue – amo tutto, e tutto mi sembra migliore dell’Italia. La mia università è fantastica, e il Tennessee è uno stato stupendo, immerso nel verde. La gente è meravigliosa e con un senso civico che noi ci sogniamo”. Ma da dove è partito tutto? “Si parla del 2010. Dopo tante stagioni positive, un infortunio alla spalla mi fece perdere un anno prezioso, e in quel momento è nata questa idea”. Gli arrivò un’email da un coach americano, che l’aveva adocchiato durante un torneo. “All’inizio non lo presi sul serio, poi capii l’importanza di un’esperienza del genere, fino alla scelta di accettare la borsa di studio. Ed eccomi qua”. Terminato il terzo anno di studi, Zito è appena rientrato in Italia, dove sta giocando la serie A2 a squadre con il Match Ball di Siracusa, e disputerà poi qualche torneo individuale. Tornerà negli States a fine agosto, quando scatterà l’ultimo anno di college, che lo porterà il prossimo maggio a conseguire la Laurea in International Business, base per un futuro di successo. “Ho mille progetti in testa, ma sicuramente mi piacerebbe sia lavorare nella mia Università, sia provare per un anno o due la strada del professionismo”. Il sogno, invece, è la carriera internazionale, magari con incarichi presso organizzazioni come l’ONU. “Credo che l’ottima conoscenza dell’inglese, la laurea e le competenze tennistiche potranno essere i miei punti di forza. Questa esperienza apre un nuovo mondo, con infinite prospettive di lavoro che rimanendo in Italia non si possono nemmeno immaginare. Ti si prospetta un futuro quasi certo, che la carriera da tennista professionista assicura solamente a coloro che diventano campioni. Lo consiglierei a chiunque”.

Questa voce è stata pubblicata in Interviste, Parole, Storie, Tennis e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...